Paola Torricelli – Lo sguardo del cuore

Paola Torricelli – Lo sguardo del cuore

5 Ottobre 2013 anniversario

A Paola Torricelli
LO SGUARDO DEL CUORE

testo di Francesca Pellegrini

La cosa interessante che è in grado di fare un’artista, è proprio di collegare i suoi atti creativi con motivazioni profonde, che si concretizzano, come per miracolo, nella realtà. I loro occhi sono guidati da qualcosa che li rapisce, che li affascina e li porta in contatto con significati profondi. Ci sono vari modi, per andare nel profondo. Per andare nel profondo, occorre superare un confine invisibile e lasciare che la nostra anima ci raggiunga con il suo suono. Anche le immagini hanno un suono ed alcune sanno condurci in luoghi fatati, dove le cose hanno sfumature ed echi tenui, distorti, irreali, eppure magici. La capacità di cogliere un attimo con la macchina fotografica, permette di fissare un suono, un’emozione, una sensazione, uno scorcio di luce. Le immagini, sono parole che parlano e descrivono un mondo. Quando scegliamo un’immagine, scegliamo di parlare con il mondo che rappresenta, con il significato di cui è portatrice. Con le sue foto, Paola ci porta nella dolce visione d’una profondità, da cui parte il suo viaggio del cuore. Solo il cuore, è capace di trovare senso in attimi e bagliori, in sguardi e suoni che risvegliano energie ataviche, forti, vitali, molto spesso inesplicabili altrimenti. Il cuore rimane in ascolto, pronto a carpire l’attimo, lo sguardo, a correre incontro ad una parola, ad un raggio, ad un appiglio delicato, magari minuscolo, ma profondamente magico. Vede realtà che altrimenti sfuggirebbero, si fissa su particolari che si manifestano per un attimo e che magari, un secondo dopo non ci sarebbero più. L’arte, è la capacità di cogliere questi attimi, il dono d’avere uno sguardo attento a bellezze e forme che sfuggono a chi non ha la naturale propensione a coglierle.
La capacità di valorizzarle, di sentire interiormente un’eco al loro apparire, di cercare un dialogo con la loro forza e la prontezza di fissare la loro bellezza nelle forme. E’ arte, cantare la bellezza della vita, saperla cogliere e proporre, saperla riprodurre con ammirata cortesia. L’ispirazione creativa è figlia della vita e della sua forza vitale. Ogni volta che riusciamo a sentirla, a seguirla, ad accoglierla, di sicuro ci porta ad esprimerci in modo consono alla nostra segreta natura, a cogliere gli aspetti più vitali della natura che ci circonda. Quando si guarda un’opera d’arte, qualcosa di creativo ed originale che
qualcuno ha fatto, quello che permette d’assaporarne con piacere l’anima, è uno sguardo pacato e sereno, che guarda e sente, che lascia entrare il messaggio contenuto nell’immagine, per ascoltare se risveglia qualcosa nel cuore.

Cammino in un luogo ed i pensieri camminano con me; cerco qualcosa di familiare nei luoghi… (Paola Torricelli)

Entro in uno spazio e mi accomodo come un ospite. Vado alla ricerca di qualche cosa che mi metta a mio agio, che mi faccia sentire a casa, nella mia
casa interiore… (Paola Torricelli)